• it
  • en
  • de
Cosa è la celiachia?

La celiachia è una condizione di origine genetica caratterizzata da un’intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica che si trova in diversi cereali: frumento, orzo, kamut, farro, segale.

Il consumo di cereali contenenti glutine anche in piccolissime quantità, da parte di coloro che presentano questo tipo di intolleranza, causa gravi danni alla mucosa intestinale e sindrome da malassorbimento.
L’intolleranza può manifestarsi nel bambino o in età adulta.
L’incidenza di questa intolleranza in Italia è stimata in poco più di 100.000 persone, con un incremento annuo di circa il 20%.

QUAL È LA TERAPIA DA ATTUARE?
La dieta senza glutine, condotta con rigore, è l’unica terapia attualmente che garantisce al celiaco un perfetto stato di salute ed una qualità di vita ottimale.

Continua a leggere

Cosa significa “senza glutine”?

I prodotti adatti al consumo dei celiaci vengono comunemente definiti “senza glutine”.

E’ però necessario precisare che tale definizione sottintende che il prodotto garantisca un contenuto di glutine pari a non più di 20ppm (parti per milione o mg/kg). Infatti le attuali conoscenze scientifiche, stabiliscono che il celiaco possa consumare prodotti il cui contenuto di glutine non superi 20ppm. Per ottenere questa garanzia non è sufficiente utilizzare materie prime naturalmente prive di glutine, ma è necessario anche che il prodotto non subisca contaminazioni con il glutine durante tutte la fasi del processo produttivo, dalla lavorazione al confezionamento.

Continua a leggere

Come riconoscere un alimento garantito senza glutine?

I prodotti sono idonei al consumo dei celiaci solo se rientrano in almeno una delle seguenti 6 categorie.

1. Naturalmente Privi Di Glutine
In natura esistono vari alimenti che possono essere consumati liberamente, in quanto naturalmente privi di glutine e per i quali nel corso del loro processo produttivo esiste un rischio minimo di contaminazione crociata. Tali alimenti possono essere consumati, previa comunque verifica che l’etichetta non contenga ingredienti non permessi o la dicitura “può contenere tracce di cereali contenenti glutine”. Per queste categorie di alimenti non è previsto l’inserimento nel prontuario AIC, nè concessione della spiga barrata, nè mutuabilità, nè l’indicazione della frase “senza glutine” in etichetta. Solo a scopo esemplificativo e non esaustivo riportiamo di seguito le categorie principali: oli, carne e pesce tal quali, uova, latte, verdura, frutta.

2. Spiga Barrata Rilasciata da Associazione Italiana Celiachia
La Spiga Barrata è un marchio registrato di proprietà di AIC, che ne rilascia l’uso alle aziende interessate dopo aver esaminato i processi di produzione. AIC è dotata di una struttura tecnica autonoma per realizzare
direttamente tutte le attività necessarie alla valutazione dei prodotti che richiedono l’ utilizzo del Marchio Spiga Barrata.

3. Spiga Barrata Rilasciata da Altre Associazioni Celiachia Europee
Esistono simboli della Spiga Barrata concessi da Associazioni Celiachia di altri paesi europei, che graficamente differiscono dal simbolo concesso da AIC. Per esempio questo è il simbolo rilasciato dall’Associazione Celiachia Germania che troverete in varie referenze del nostro listino.
Tali simboli sono concessi con procedure e verifiche che variano in base all’associazione che le ha rilasciate. Il contenuto di glutine massimo previsto dalle diverse Associazioni Celiaci di tutti i paesi della CE, è comunque analogo a quello concesso da AIC, ossia 20ppm.

4. Dicitura “Prodotto Dietetico Senza Glutine”
Per Prodotto Rimborsabile Questi prodotti sono definiti “prodotti dietetici senza glutine” in base a una procedura di Notifica che spetta al Ministero della Salute in seguito ad accurate verifiche, e solo per prodotti della categoria pane (e panificati in generale), biscotti, fette biscottate, grissini, pasta etc. I prodotti sono inseriti nel Registro Nazionale degli alimenti senza glutine (disponibile sul sito del Ministero) e sono mutuabili e rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale. In questo caso l’etichetta riporta la specifica denominazione “prodotto dietetico senza glutine, adatto per l’alimentazione dei celiaci”.

5. Dicitura “Senza Glutine”
Per Prodotti Non Rimborsabili Le recenti normative europee prevedono la possibilità di riportare in etichetta la dicitura o claim “senza glutine”, in base ad un’autocertificazione del produttore. E’ richiesto
l’adeguamento del piano di autocontrollo interno e la possibilità da parte dell’autorità competente di effettuare eventuali verifiche. Questa possibilità riguarda esclusivamente i prodotti che non rientrano nella categoria pane (e panificati in generale), e pasta, di cui abbiamo parlato al punto 4).

6. Inserimento Nel Prontuario Aic
Il Prontuario è una pubblicazione edita con frequenza annuale da AIC che raccoglie i prodotti che, seppur non pensati specificamente per una dieta particolare, risultano comunque idonei al consumo da parte del celiaco. Le aziende che aderiscono, dichiarano con autocertificazione l’idoneità dei propri prodotti ad essere consumati dai celiaci (in quanto con contenuto di glutine inferiore a 20 ppm), tenendo conto anche
delle possibili contaminazioni durante tutte le fasi di produzione. Questi prodotti possono essere definiti “a minor rischio”, perché la valutazione del prodotto è fatta esclusivamente su autodichiarazione delle aziende produttrici, non essendo previste visite alle aziende o audit di controllo.
Inoltre il Prontuario elenca anche tutti gli altri prodotti in commercio idonei al celiaco delle categorie suddette, con le seguenti specifiche: non sono riportati i prodotti della categoria 1. Sono sempre riportati tutti i prodotti della categoria 2. Per i prodotti delle categorie 3, 4, 5 la presenza nel Prontuario è una scelta della singola azienda.

Continua a leggere

Cosa offre il mercato dei prodotti senza glutine non bio

Il mercato dei prodotti senza glutine negli ultimi anni si è molto ampliato, e oggi offre una grande varietà di prodotti sicuri e garantiti. Questo permette al celiaco di poter scegliere nell’ambito di una gamma di alimenti del tutto analoga, come ampiezza, a quella dei prodotti con glutine.

In generale, molti dei prodotti senza glutine non bio oggi presenti sul mercato, contengono in grandi quantità alcuni ingredienti necessari al fine di supplire all’assenza di glutine e donare consistenza e compattezza a prodotti che altrimenti non ne avrebbero, proprio perché privati del “collante” naturale, ossia il glutine.

Vediamo quali sono questi ingredienti:

Additivi alimentari: conferiscono consistenza e compattezza, migliorano la conservabilità, l’aspetto e le caratteristiche organolettiche ( coloranti, conservanti, antiossidanti, correttori di acidità, addensanti, emulsionanti e stabilizzanti, aromatizzanti).

Grassi idrogenati, uova, latte e derivati, zucchero bianco, farine raffi nate, sale, lievito di birra: migliorano la consistenza e le caratteristiche dei prodotti senza glutine.

OGM: i prodotti senza glutine sono ottenuti spesso utilizzando come ingrediente principale, il mais. Il mais è una delle colture a maggior rischio di OGM. Quindi, se dichiarato in etichetta, il prodotto finito contiene OGM.

Continua a leggere

I prodotti Senza Glutine Probios

La proposta di Probios soddisfa le nuove tendenze del mercato del senza glutine che richiede, oltre alla sicurezza dell’assenza di glutine, anche altre garanzie legate alla provenienza delle materie prime, la qualità nutrizionale, la qualità etica, la qualità organolettica.

Dopo anni di sperimentazione e miglioramenti graduali delle ricette, pensiamo di poter affermare che i prodotti Probios superino il concetto di prodotto
senza glutine per 4 aspetti.
1) OLTRE IL SENZA GLUTINE: IL BIO
Secondo la normative europea del biologico, nei prodotti senza glutine Probios non possono essere usati i seguenti ingredienti:
-No pesticidi e fertilizzanti di sintesi: vietati dalla normativa del biologico.
-No additivi alimentari di sintesi (coloranti, conservanti, antiossidanti, correttori di acidità, addensanti, emulsionanti e stabilizzanti, aromatizzanti vietati dalla normativa del biologico). Si ottengono ottimi risultati utilizzando solo additivi di origine naturale e permessi dalle normative del biologico: gomma di guar, fibra di acacia o di mela, farina di lupini, aromi naturali.
-No grassi idrogenati: Vietati dalla normativa del biologico.
-No OGM: Vietati dalla normativa del biologico, salvo eventuale presenza involontaria e comunque
solo per minima contaminazione accidentale.

2) OLTRE IL SENZA GLUTINE: QUALITA’ NUTRIZIONALE
Molti dei prodotti senza glutine Probios, dove tecnicamente possibile, offrono ricette con caratteristiche nutrizionali specifiche:
-senza latte (e derivati) e senza uova: per renderli adatti anche ad altre patologie allergiche, e diminuire il contenuto di grassi e calorie.
-senza lievito di birra o senza lievito di nessun tipo: per renderli adatti anche ad altre patologie allergiche.
-senza olio di palma (sostituito da olio di girasole): per diminuire il contenuto di grassi saturi.
-senza grassi aggiunti: per diminuire il contenuto di grassi e calorie.
-senza zucchero bianco (con zucchero di canna, o sciroppo di cereali senza glutine): per diminuire il contenuto di zuccheri semplici e calorie.
-senza sale o a basso contenuto di sale: per limitare il contenuto di sodio.
-con farine integrali: per aumentare il contenuto in fibre.
-con farine di cereali alternativi a riso e mais (con grano saraceno, miglio, quinoa, amaranto):
per variare la dieta e aumentare il contenuto di fibre.

3) OLTRE IL SENZA GLUTINE: QUALITA’ ETICA
-segnalazione in etichetta della provenienza agricola delle materie prime: maggiore trasparenza al consumatore.
-ricerca di materie prime di provenienza Italia: meno emissioni di CO2, maggiori garanzie di tracciabilità di filiera.
-ricerca di materie prime di provenienza del commercio equo e solidale (cacao, zucchero):
per garantire equità sociale ed economica.
-confezioni in materiale riciclabile, con indicazioni al consumatore per meglio realizzare la raccolta differenziata.

4) OLTRE IL SENZA GLUTINE: QUALITA’ ORGANOLETTICA
I nostri prodotti senza glutine sono realizzati con l’obiettivo di offrire una reale alternativa al prodotto con glutine, dal gusto e consistenza del tutto paragonabili.
Questo li rende adatti e apprezzati anche dal consumatore non celiaco, e ottimi per tutta la famiglia. Quindi nel caso di una famiglia in cui solo alcuni componenti sono celiaci, non è necessaria la preparazione di pasti o snack dedicati al celiaco.
Inoltre l’uso di cereali alternativi al frumento, con ottime qualità nutrizionali, rende questi prodotti una valida alternativa anche per chi non è celiaco e non è interessato alla garanzia di assenza dl glutine.

Continua a leggere

FACEBOOK

Instagram

  • Siamo sicuri vi stupir questa bio ricetta vellutata di topinamburhellip
  • Per un pasticcio crueltyfree scegli verdure e vegetal cuisine dihellip
  • Non hai ancora scaricato il ricettario con i nuovi Biohellip
  • afavoredellavita senzacompromessi sceglibio quotes cit tgif probios1978
  • I consigli per avere una bella pelle li conosciamo tuttihellip
  • A proposito di dolcificantialternativi che ne dite del malto dorzohellip
  • afavoredellavita senzacompromessi weekendloading italia instagood cit quotes italianit

TWITTER