• it
  • en
  • de

Benvenuti sulla pagina ufficiale di Probios, qui troverete tante ispirazioni per tutti coloro che amano i prodotti alimentari biologici, vegetariani e per intolleranze alimentari.

Probios-Netiquette3

Probios-FAQ

Qui di seguito troverete le domande più frequenti che riguardano i nostri prodotti, gli ingredienti, le intolleranze, le certificazioni biologiche e molti altri argomenti.

INGREDIENTI & PREPARAZIONI

DICITURE & CERTIFICAZIONI

ALTRE INFO

Probios-INGREDIENTI

PERCHE’ UN’AZIENDA DEL BIOLOGICO UTILIZZA L’OLIO DI PALMA?

– Torna all’indice

L’utilizzo dell’olio di palma, che da ormai diversi anni suscita clamore, non è facilmente superabile: premettendo innanzitutto che non ne facciamo un uso indiscriminato di questo ingrediente, questo viene impiegato in minima quantità solamente in alcune preparazioni, dove strettamente necessario perché tecnicamente è indispensabile l’impiego di grassi che rimangano semi-solidi a temperatura ambiente. Ciò garantisce la stabilità nel tempo del prodotto e non penalizza aspetti organolettici come la friabilità o gusto.

L’impegno di Probios, rimane comunque quello di sostituire l’olio di palma con altre tipologie di olio dall’alta qualità nutrizionale, come l’olio di semi di girasole o l’olio extra vergine di oliva. Il nostro ufficio qualità lavora quotidianamente con i produttori per migliorare questo aspetto: la maggior parte delle referenze Probios è infatti prodotta senza l’utilizzo dell’olio di palma!
Per quanto riguarda l’aspetto qualitativo dell’olio di palma, non possiamo dire che sia un olio nobile come quello di semi di girasole o quello di oliva, ma è comunque ammesso dal Regolamento Europeo del Biologico, si tratta quindi di un olio non idrogenato (nel biologico è vietato l’utilizzo di grassi idrogenati!).
Non ci risulta nessuna allerta sanitaria per problemi di salute specifici legati all’utilizzo dell’olio di palma, l’attenzione è di carattere alimentare generale: superare le quantità raccomandate per i grassi saturi, provenienti da qualsiasi tipo di fonte, non è comunque auspicabile in una dieta equilibrata.Per saperne di più: Olio di palma – L’esperto risponde

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

IL LIEVITO ALIMENTARE SI PUO’ UTILIZZARE SOLO A CRUDO O ANCHE IN COTTURA?

– Torna all’indice

Il consiglio di utilizzare il lievito alimentare in scaglie, senza sottoporlo a cottura o calore, è per evitare che le vitamine del gruppo B, di cui è fonte il lievito alimentare, siano disperse, non essendo tutte totalmente termoresistenti. La vitamina B5 per esempio è termolabile al calore ed anche la tiamina o vitamina B1 viene in buona parte perduta durante la cottura degli alimenti. Caso a parte è la vitamina B2, che è sensibile all’esposizione alla luce.

Spesso il lievito alimentare in scaglie è utilizzato proprio per il suo contenuto di vitamine: sono infatti molti i consumatori vegetariani che utilizzano il prodotto per integrare nella propria dieta il complesso vitaminico B, utilizzare il prodotto per prepararvi pietanze sottoposte a alte temperature, ridurrebbe il suo apporto nutrizionale in vitamine. Non è un divieto comunque, ma un’indicazione, quindi il prodotto se cotto può essere ugualmente consumato. La crosticina delle lasagne sarà poco vitaminica, ma può continuare ad essere gustosa!

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

L’AVENA PUO’ ESSERE INCLUSA IN UNA DIETA SENZA GLUTINE?

– Torna all’indice

L’Avena è un cereale naturalmente privo di glutine: l’eventuale presenza di glutine dipende dalla possibile presenza di semi di grano nei sacchi di semi di avena o da contaminazioni successive alla coltivazione (mezzi di trasporto, silos, macchinari per la lavorazione). In Italia il Ministero della Salute ha recentemente autorizzato l’utilizzo del claim “senza glutine”, sulla nuova linea di prodotti Probios. Si tratta della prima linea di prodotti da forno a base di avena ad essere autorizzata dal Ministero della Salute, e che quindi è mutuabile e rimborsabile dal SSN per i pazienti celiaci.

Grazie a rigidi controlli e analisi, i prodotti Probios hanno superato con successo le rigide valutazioni ministeriali, consentendo di presentare per la prima volta in Italia una linea di prodotti da forno a base di avena, garantiti ufficialmente come gluten free.

Per saperne di più: AIC su avena e glutine

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

DA DOVE PROVENGONO LE MATERIE PRIME DEI PRODOTTI PROBIOS?

– Torna all’indice

E’ molto semplice conoscere la provenienza delle materie prime in un prodotto biologico, sotto al logo bio europeo è indicato il codice dell’ente di certificazione (nel caso di Probios BIOAGRICERT IT BIO 007) e le diciture previste che indicano l’origine agricola delle materie prime che compongono il prodotto:
essere autorizzata dal Ministero della Salute, e che quindi è mutuabile e rimborsabile dal SSN per i pazienti celiaci.

  • Agricoltura Ue: se le materie prime sono coltivate almeno per il 98% in Europa
  • Agricoltura non Ue
  • Agricoltura Ue/non Ue: se gli ingredienti sono di origine agricola mista
  • Agricoltura Italia: se il 98% degli ingredienti è coltivato in Italia.

Con la nostra tracciabilità tramite il numero di lotto e scadenza siamo comunque in grado se richiesto di informare da quale specifico paese proviene la materia prima.

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

QUANDO UN PRODOTTO PUO’ DEFINIRSI CRUDO?

– Torna all’indice

Il crudismo è uno stile alimentare naturista basato sulla scelte di cibarsi con alimenti che non siano sottoposti a trattamenti termici superiori ai 42°C oltre ai quali, sostengono i seguaci di questo tipo di dieta, il cibo perderebbe la sua naturalità e soprattutto verrebbe depauperato di sostanze nutritive importanti come antiossidanti, vitamine, sali minerali ed enzimi.

Per i crudisti inoltre l’innalzamento fisiologico dei globuli bianchi dopo l’assunzione dei cibi cotti (leucocitosi) sarebbe sintomo di difesa da parte dell’organismo verso sostanze dannose.
Non sono ammessi quindi metodi di cottura tradizionali, ma solo asciugatura/disidratazione ed essiccazione al sole. Anche tecniche come sterilizzazione e pastorizzazione sono banditi in questa filosofia.
Questo tipo di alimentazione si basa in prevalenza sul consumo di ortaggi, frutta semi e frutta essiccata.
Proprio su richiesta di tanti nostri clienti vegani, Probios ha quindi deciso di evidenziare in confezione quei cibi che non sono sottoposti a trattamenti termici superiori a 42°C, fra questi anche un cereale spezzato, il bulgur crudo, proprio per dare la possibilità di reperire diversi alimenti, a chi vuole proporre sulla tavola solo cibo crudo.Per saperne di più: Cibo crudo e dieta crudista, scegli bio

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

QUANDO SI PUO’ ESSERE SICURI CHE UN PRODOTTO SIA DAVVERO SENZA GLUTINE?

– Torna all’indice

“Senza glutine” significa che nel prodotto è garantito un contenuto di glutine inferiore a 20ppm (parti per milione o mg/kg), soglia che le attuali conoscenze scientifiche (e la normativa europea), considerano del tutto sicura per il celiaco. Per ottenere questa garanzia non è sufficiente utilizzare materie prime naturalmente prive di glutine, ma è necessario anche che il prodotto non subisca contaminazioni con il glutine durante tutte le fasi del processo produttivo, dalla lavorazione al confezionamento.

Gli alimenti sono idonei al consumo dei celiaci solo se rientrano in almeno una delle seguenti 6 categorie:

  1. Naturalmente Privi Di Glutine
  2. Spiga Barrata Rilasciata da Associazione Italiana Celiachia
  3. Spiga Barrata Rilasciata da Altre Associazioni Celiachia Europee
  4. Dicitura “Prodotto Dietetico Senza Glutine”
  5. Dicitura “Senza Glutine”
  6. Inserimento Nel Prontuario Aic

 

Trovi l’approfondimento e la spiegazione di ogni categoria a questo link

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

LE CREME DI MANDORLE/NOCCIOLE/ARACHIDI CHE PRESENTANO UNO STRATO DI OLIO IN SUPERFICIE SONO SEMPRE BUONE?

– Torna all’indice

Le creme 100% frutta oleaginosa, dal nome è comprensibile che sono costituite da frutta secca oleosa ricchissima in natura di oli vegetali e possono presentare consistenza variabile in base alla tipologia di materia prima. Scriviamo in etichetta infatti che non usando lecitine o addensanti, è possibile che la parte più fibrosa della crema si depositi al fondo e la parte oleosa affiori in superficie.

Questo fenomeno assolutamente normale e fisiologico è maggiormente accentuato soprattutto in alcune condizioni climatiche. Basterà rimescolare il prodotto per ridare una consistenza omogenea.

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

GLI AROMI CHE VENGONO UTILIZZATI NEI VOSTRI PRODOTTI SONO DI ORIGINE NATURALE?

– Torna all’indice

“Aromi” è la parola che troviamo sulla maggior parte dei prodotti alimentari, e comprende tutte quegli aromi uguali a quelli naturali ma “costruiti” in laboratorio e anche quelli artificiali ossia costruiti in laboratorio anche con l’impiego di molecole che non esistono in natura.
Per «aromi» (e basta) s’intendono i prodotti non destinati a essere consumati nella loro forma originale, che sono aggiunti agli alimenti al fine di conferire o modificare un aroma e/o sapore.

Il termine “aroma naturale”, invece, identifica le preparazioni aromatiche e le sostanze aromatizzanti naturali che sono ottenuti con procedimenti tradizionali, come l’essiccazione, la macinazione, l’evaporazione, la pressatura, la spremitura, la macerazione eccetera, escludendo l’uso di sostanze chimiche. Facciamo un esempio: un “aroma” (e basta) che dia il gusto della scorza di limone può essere legittimamente realizzato con un processo chimico con l’uso di chissà che e senza aver mai visto un limone, mentre un “”aroma naturale”” di scorza limone è estratto proprio dalla scorza del limone, almeno per il 95%. Specifichiamo che il disciplinare del Biologico vieta l’utilizzo di aromi che non siano naturali.

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

MI HANNO CONSIGLIATO DI USARE SOLO OLIO DI SEMI SPREMUTI A FREDDO MA NON TROVO QUESTA SPECIFICA NELL’ETICHETTA A DIFFERENZA DELL’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA “IL NUTRIMENTO” DOVE INVECE E’ RIPORTATO “ESTRATTO A FREDDO”, PERCHE’?

– Torna all’indice

I nostri oli di semi IL NUTRIMENTO sono estratti con procedimenti meccanici senza surriscaldare né il seme né la pressa prima della pressione.
Abbiamo allora scelto questa dicitura volontaria per informarvi che l’unico procedimento a temperatura a cui vanno incontro i nostri oli di semi quando previsto (olio di semi di girasole e di germe di mais) è la deodorazione, un’operazione che permette di ottenere un olio con un odore e sapore meno caratteristici di quelli che ha un olio vergine, a volte non gradito al palato.

Quest’operazione del tutto naturale consiste in un breve passaggio per corrente di vapore ed immediatamente dopo, il produttore monitora tramite analisi che non ci sia stata alcuna degenerazione degli acidi grassi.
L’indicazione “”estratto a freddo”” è prevista per legge esclusivamente agli oli d’oliva vergini o extra vergini che sono ottenuti a meno di 27°C.Trovi tutti i nostri oli “IL NUTRIMENTO” e le indicazioni sulla produzione a questo link

Continua a leggere

NATURALMENTE VEGAN O CERTIFICATO?

– Torna all’indice

Probios offre prodotti adatti a chi segue una dieta vegan.
Tali prodotti non solo prevedono l’esclusione in ricetta di latte e derivati, uova e miele, ma offrono ulteriori importanti garanzie al consumatore che ha fatto la scelta vegan. Le garanzie sui prodotti idonei alla scelta vegana possono essere fornite con due diverse modalità:

  1. Tramite un’auto dichiarazione dell’azienda di produzione nella quale si impegna a rispettare i principi della scelta vegana. Probios richiede infatti all’ azienda di produzione di agire in conformità agli standard vegani sia per la scelta delle materie prime che nel processo produttivo assicurando che nessun ingrediente, coadiuvante alimentare in ricetta sia stato prodotto o testato sfruttando o creando sofferenza agli animali intesi come organismi viventi vertebrati e organismi multicellulari invertebrati.
  2. Logo rilasciato da Vegan Society: in questo caso il prodotto è registrato presso la Vegan Society che, per prima, nel 1944 ha coniato il termine vegan. Il processo di registrazione è stato certificato dall’ente indipendente Certification Europe Italia che ha verificato il rispetto degli standard di riferimento, permettendo a questi prodotti di fregiarsi dell’unico marchio registrato e globalmente riconosciuto per quanto riguarda il mercato dei prodotti vegani.

 

Importante:

Per le ricette prive di prodotti di origine animale al produttore viene chiaramente richiesto formalmente di evitare o almeno di minimizzare le contaminazioni involontarie in tracce di sostanze animali eventualmente usate nel sito produttivo , ma nel caso in cui nonostante gli sforzi, la contaminazione risulti inevitabile, viene segnalata in confezione da Probios se la sostanza è un allergene (come latte o uova).

Per saperne di più

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

A QUALI CONTROLLI E’ SOTTOPOSTA UN’AZIENDA BIO?

– Torna all’indice

Tutti gli agricoltori, allevatori, trasformatori, commercianti, che utilizzano il termine BIO, Biologico, ECO, Ecologico, devono obbligatoriamente attenersi al regolamento 834 del 2007 costituito dal Consiglio Europeo dei Ministri dell’Agricoltura.
Se un operatore vuole quindi coltivare, produrre e commercializzare biologico in poche parole, notifica cioè comunica all’autorità competente la propria attività scegliendo un ente di controllo autorizzato, che, nel caso di Probios, è Bioagricert.

La norma prevede il divieto di utilizzo di fitofarmaci e che laddove non si riesca a gestire la produzione attraverso l’autodifesa dell’ecosistema, l’agricoltore utilizzi fitofarmaci e concimi di origine naturale. Sono vietati quelli di sintesi chimica. La produzione biologica deve rispettare i sistemi e i cicli naturali. E’ necessario mirare ad ottenere una produzione sostenibile, per quanto possibile, utilizzando processi produttivi biologici e meccanici, attraverso una produzione legata alla terra ed evitando l’impiego di organismi geneticamente modificati; il meccanismo è complesso e prevede molti ingranaggi, l’azienda, l’autorità pubblica e gli Enti di controllo.
L’azienda che volontariamente sceglie di produrre/commerciare bio si sottopone ad una serie di restrizioni obbligatorie aggiuntive, dove la novità più significativa è quella di sottoporsi ad un controllo esterno indipendente, effettuato da un Ente autorizzato che effettua controlli periodici a verifica di quanto dichiarato in azienda. Il controllo a cui siamo sottoposti sono: l’ispezione in azienda in cui viene prelevato a campione di un prodotto che viene sottoposto ad analisi di laboratorio per verificarne la conformità al disciplinare del biologico e poi la valutazione della documentazione. Se non ci sono rilevate irregolarità o non conformità, l’Ente di controllo rilascia il certificato che permette la vendita dei prodotti, il numero di visite e dei campioni dipende dalla dimensione dell’azienda. L’azienda bio in fase di controllo deve fornire all’Ispettore incaricato accesso completo a tutti documenti necessari: l’impedimento è sanzionato con la forma più grave che è l’esclusione senza potere rientrare nel sistema di controllo. Nel nostro piano di autocontrollo interno sono previsti analisi a campione mensili sulle referenze e controlli sui fitofarmaci su ogni nuovo prodotto. La qualifica dei fornitori effettuata dal nostro controllo qualità è scrupolosa e vuol essere uno strumento efficace per confermare le garanzie e l’affidabilità dei produttori con cui lavoriamo.

Continua a leggere

Probios-Netiquette3

PRESTO PARTICOLARE ATTENZIONE AI PRODOTTI CON LA DICITURA “MADE IN ITALY”. COME MAI SUI PRODOTTI CON QUESTA DICITURA TROVO LA VOCE “AGRICOLTURA NON UE”?

– Torna all’indice

La produzione è una cosa e la provenienza agricola della materia prima assolutamente un’altra. L’origine della materia prima è obbligatoria per tutti i prodotti biologici e si trova al di sotto del logo biologico europeo.

Questo non corrisponde sempre al paese di produzione; prendiamo per esempio un biscotto preparato in Italia in cui esista in ricetta zucchero di canna (argentino o cubano) e cacao (boliviano), oppure uno spaghetto di grano Khorasan KAMUT® per cui la materia prima non è coltivata in Italia (Agricoltura non UE) ma tutte le fasi di impasto, trafilatura ed essicazione sono effettuate dai migliori pastifici situati in Italia. Indichiamo se un prodotto è realizzato in Italia poichè è un’informazione che prescinde dall’origine degli ingredienti ma sicuramente importante da segnalare. Se invece il prodotto è solo confezionato in Italia questa dicitura non viene evidenziata proprio per non creare confusione.

Leggi le tre differenti diciture sul nostro sito

Continua a leggere

SI POSSONO TROVARE I PRODOTTI PROBIOS NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE?

– Torna all’indice

Sul nostro sito Probios.it è possibile trovare il punto vendita più vicino a te selezionando la tua città e la distanza massima rispetto al centro.

Probios-Netiquette3

AVETE UNO SHOP ON-LINE? DOVE POSSIAMO COMPRARE I VOSTRI PRODOTTI ON-LINE?

– Torna all’indice

In questo momento non vendiamo online ma ci sono molti siti dove è possibile acquistare i prodotti Probios, presso rivenditori ufficiali.

HO ACQUISTATO UN VOSTRO PRODOTTO MA RISULTA… , COME POSSO FARE PER CAMBIARLO O ESSERE RIMBORSATO?

– Torna all’indice

L’indirizzo a cui puoi rivolgerti in caso di richiesta di informazioni riguardo ad approfondimenti sugli aspetti qualitativi e nutrizionali dei prodotti e degli ingredienti, garanzie sugli allergeni, informazioni sui processi produttivi, informazioni sulle diciture in etichetta è qualita@probios.it

Ogni tua segnalazione viene annotata in un registro aggiornato quotidianamente ed è preziosa per migliorare i nostri prodotti. Le tue segnalazioni vengono verificate e approfondite dall’Ufficio Controllo Qualità che ti contatterà per informarti sull’esito dei controlli ed eventualmente richiederti maggiori informazioni, la tua collaborazione è preziosa!

Continua a leggere

Se avete domande specifiche su temi vicini al mondo Probios o richieste che esulano dai contenuti in questa pagina potete contattarci qui:

Probios-mail

Tutti i consigli e suggerimenti nutrizionali contenuti nella nostra pagina ufficiale hanno carattere generico ed hanno come scopo quello di aumentare la conoscenza e la sensibilità verso argomenti e problematiche attinenti il corretto stile di vita, in modo da rendere un servizio utile ad avere maggiore cognizione di tutto ciò che consente di guadagnare salute attraverso la prevenzione. In ogni caso il lettore deve tenere presente che ogni consiglio sull’alimentazione o sull’attività fisica ha solo scopo informativo e le informazioni pubblicate non si sostituiscono a parere medico. I consigli e i suggerimenti nutrizionali pubblicati sulla presente pagina non possono essere utilizzati per formulare indagini cliniche e diagnosi su patologie o disturbi vari, prescrizioni o cure. Tali funzioni spettano solamente al medico curante, di famiglia o specialista. Le informazioni presenti sulla pagina non intendono fornire trattamento o prevenzione a disturbi, malattie o condizioni cliniche, né sostituirsi al trattamento medico o come alternativa ad un consulto specialistico.