Rapporto “Cambia la Terra”: l’impegno di Probios per un mondo bio



40 anni a favore della vita, 40 anni a favore dell’ambiente



In occasione della Festa del BIO, svoltasi durante la trentesima edizione del Salone intenazionale del biologico e del naturale di Bologna, sono stati presentati i dati del Rapporto “Cambia la Terra. Così l’agricoltura convenzionale inquina l’economia (oltre che il Pianeta)”.

Un progetto che Probios ha scelto di supportare e di seguire con grande attenzione, come la campagna web #ipesticididentrodinoi, iniziativa promossa nell’ambito del progetto di sensibilizzazione e informazione ‘Cambia la Terra’ di FederBio (Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica), nata con l’obiettivo di sensibilizzare i consumatori sugli effetti nocivi per la salute di pesticidi e fertilizzanti di sintesi sui campi.

Secondo quanto emerso dal Rapporto, la maggior parte delle sovvenzioni europee e nazionali è destinata a finanziare il modello agricolo basato sull’uso di concimi e pesticidi di sintesi chimica. In particolare, Maria Grazia Mammuccini di FederBio, ha dichiarato che “gli italiani e gli europei in generale pagano per sostenere pratiche agricole che alla fine si ritorcono contro l’ambiente e contro la loro salute, a partire da quella degli agricoltori stessi. Inoltre, non è il modello agricolo ad alto impatto ambientale a farsi carico della tutela degli ecosistemi con cui interagisce, ma sono gli operatori del biologico a sopportare i costi prodotti dall’inquinamento causato dalla chimica di sintesi”.

Per la nostra Azienda, qualità e rispetto dell’ambiente sono alla base della filosofia aziendale che ci guida da oltre quarant’anni, e sposando questo progetto vogliamo sensibilizzare i nostri consumatori a sostenere un modello agricolo più sano e più etico, con un minor impatto sul piano della salute e su quello ambientale. Il primo passo è quello di fare interventi concreti ed immediati, sostenendo e qualificando modelli di agricoltura biologica a tutela degli ecosistemi con cui interagisce.

Per maggiori informazioni, potete scaricare il Rapporto Cambia la Terra a questo link: cambialaterra.it.